Emergenza Covid, nuove misure a sostegno di associazioni sportive.

La Giunta comunale ha adottato nuovi provvedimenti per l’emergenza covid. Nel corso dell’ultima seduta, l’esecutivo ha deliberato di disporre la sospensione dei pagamenti relativi all’uso degli impianti sportivi comunali per l’annualità 2020, con conseguente gratuità degli eventuali e limitati accessi agli impianti effettuati nell’anno in corso. E’ stato autorizzato inoltre (previa verifica da parte dei dirigenti competenti relativamente alle modalità da adottare), il posticipo fino a 12 mesi delle rate scadute riguardanti gli atti di transazione per il recupero di debiti pregressi, stipulati con le associazioni debitrici.

La concessione di ulteriori agevolazioni covid-19 a favore delle associazioni sportive dilettantistiche di Trani scaturisce dal fatto che la sospensione delle attività si è tradotta in un danno economico per le associazioni, sia in funzione degli impegni assunti per la disputa del campionati, sia per i mancati introiti rivenienti dalle attività di promozione e formazione attraverso le quali viene finanziata l’attività sportiva. Sulla questione l’Amministrazione aveva ricevuto numerose richieste di interventi, fra cui quello del Comitato Regionale pugliese del CONI, che aveva chiesto all’Ente l’adozione di iniziative atte ad alleviare gli impegni economici gravanti sulle associazioni sportive e, in particolare, quelli riguardanti gli oneri a carico delle stesse per l’accesso agli impianti sportivi comunali, peraltro fortemente limitati a causa delle misure di prevenzione imposte dal Governo. Da qui la decisione di disporre la sospensione dei pagamenti relativi all’uso degli impianti sportivi comunali per l’annualità 2020.

Le minori entrate conseguenti alle agevolazioni previste in favore delle associazioni sportive (stimate in 15 mila euro) saranno finanziate facendo ricorso alle somme previste nel bilancio di previsione 2020/2022, esercizio 2020, alla voce “fondo Covid-19”. A tal proposito l’Amministrazione si riserva di utilizzare la disponibilità residua stanziata in bilancio a titolo di agevolazioni covid per nuove misure a favore di ulteriori soggetti colpiti dalla crisi economica conseguente all’emergenza sanitaria.

Sempre in argomento, la Giunta ha deliberato la concessione di un contributo alle associazioni di volontariato facenti parti del centro operativo comunale di protezione civile, per il ristoro delle spese sostenute dalle stesse, in occasione delle attività messe in campo a seguito della istituita “zona rossa” in Puglia, gestita dal punto di vista dell’ordine e della sicurezza pubblica, anche con la presenza costante per le vie della città del personale volontario delle associazioni, in servizio davanti ai supermercati, agli esercizi commerciali autorizzati alla vendita (anche d’asporto) nonché nelle piazze ed in altri luoghi individuati d’intesa con l’Amministrazione al fine di evitare assembramenti ed il rispetto delle norme anti covid.

In vista della ripresa delle attività scolastiche, la Giunta ha infine costituito un ulteriore fondo con risorse comunali pari a 10.000 euro da destinare per il rafforzamento dell’operatività dei dirigenti scolastici degli Istituti di competenza comunale, mettendo loro a disposizione delle risorse aggiuntive al fine di garantire la sicurezza degli alunni. Le somme, da assegnarsi in misura della popolazione studentesca di ogni scuola, potranno essere utilizzati anche per interventi di piccola manutenzione, sicurezza ed adeguamento degli spazi alle misure connesse all’emergenza epidemiologica da covid-19.

Coronavirus Trani, ecco le attività che svolgono servizio a domicilio | IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

Emergenza Covid-19, il laboratorio Papagni offre tamponi e test sierologico

Il Laboratorio

Il Centro Bio-Medico di Analisi Cliniche Papagni è un laboratorio di analisi cliniche accreditato con il SSR, che opera nel settore della diagnostica di laboratorio dal 1978. Il Centro Papagni, oltre alle normali attività di diagnostica di laboratorio, offre servizi per la Medicina del lavoro e, in questo particolare periodo di Emergenza Covid-19 a causa delle esigenze di sorveglianza sanitaria degli esercizi commerciali e delle attività produttive, dispone anche dei seguenti esami:

  • test sierologico per la ricerca di anticorpi SARS-CoV-2-IgG IgM;
  • ricerca di RNA di SARS-CoV-2 su tampone rino-faringeo mediante test molecolare.

Come si effettuano gli esami? 

L’esecuzione dei test sierologici può essere effettuata tramite accesso diretto presso la struttura di Trani ubicata in via De Cuneo 54, mentre per quanto concerne l’esecuzione dei tamponi è necessario prenotare in sede contattando il numero 08831927704 o inviando una email ai seguenti indirizzi:

 

*La notizia ci è stata segnalata da Confesercenti BAT. 


a cura della redazione SmartDuc Trani

Slitta l’avvio del servizio della raccolta differenziata, causa covid-19

È stata differita la partenza del servizio di raccolta differenziata porta a porta su tutto il territorio comunale programmata per il prossimo 7 settembre.

La decisione è stata assunta oggi pomeriggio al termine della riunione del centro operativo comunale di protezione comunale convocato d’urgenza a palazzo di città in considerazione dell’aumento di casi di positività al coronavirus che si stanno registrando sul territorio.

Si è deciso altresì di riavviare i protocolli anti covid a partire dalle sanificazioni stradali e dalle attività di contrasto alla diffusione del covid-19 che inizieranno già nei prossimi giorni.

Buoni Spesa Spendibili fino al 30 Settembre

Si comunica che i Buoni Spesa già consegnati e quelli che saranno consegnati nei prossimi giorni, potranno essere utilizzati fino al 30 Settembre 2020. Gli esercizi commerciali dovranno rendicontare i Buoni Spesa entro il 31 ottobre 2020.

menu digitale trani

Menu Digitali a Trani: ecco l’elenco delle attività che hanno aderito | IN AGGIORNAMENTO

SFOGLIA E SCARICA I MENU DIGITALI DELLE ATTIVITA’ “FOOD & DRINK” DI TRANI


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale di Peccati di Gola


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Portulaca


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale di Corte Bianchi



Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Nabucco


Santograal

Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Santo Graal


LA BODEGUITA

Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Pizzeria La Bodeguita


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Giardino di Bacco


LA BAGUETTERIA

Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Baguetterie


CAFFETTERIA DUOMO

Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Caffetteria Duomo

 


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Grottino XXL


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Braceria Da Mimmazzo


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale di Paninart


 

Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Pizzeria Momo


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Caffe del No Name


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Caffè degli Artisti


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale di Osteria Ferro e Fuoco


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Pizzeria Reale


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale di Caffè Cavour


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale di Buca Navarra


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale de Le Arcate


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del Piccolo Rifugio


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale della Pizzeria Lievito 72


Clicca sul logo per scaricare il Menu Digitale del panificio Mani in Pasta

 

 

 Clicca sul logo per scaricare il Menu digitale della pizzeria Trani a Go Go

 

 Clicca sul logo per scaricare il Menu digitale della Braceria – Paninoteca Street Burger

 

Hai un’attività? Scopri il microcredito d’impresa della Regione Puglia

Il Microcredito d’Impresa è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle microimprese pugliesi già operative e non bancabili un finanziamento per realizzare nuovi investimenti. L’iniziativa è attuata da Puglia Sviluppo SpA.

Oggi, con alcune modifiche,  adottato anche per far fronte alle esigenze delle imprese in seguito alle difficoltà economiche causate dall’emergenza COVID-19.

CHI PUÒ RICHIEDERE UN FINANZIAMENTO?

MICROIMPRESE  che intendono accedere a finanziamenti per sostenere spese di funzionamento (pagamento fornitori, locazione, utenze, acquisto scorte, manutenzioni ecc.)  e/o effettuare nuovi investimenti con i seguenti requisiti:

 

  • averemeno di 10 addetti e non essere partecipata per la maggioranza da altre imprese
  • avere una delle seguentiforme giuridiche: ditta individuale, soc. coop., s.n.c., s.a.s., attività professionali singole o associatai, s.r.l., semplificata
  • esserenon bancabile, avendo rispettato negli ultimi 12 mesi tutti i seguenti requisiti:
      • non avere avuto liquidità per più di € 50.000
      • non essere stata proprietaria di immobili e macchinari per un valore superiore a € 200.000
      • non aver beneficiato di finanziamenti superiori a € 30.000.

 

Le microimprese devono:

aver emessa la 1^ fattura entro il 31/12/2019;

non aver generato un fatturato superiore a € 300.000,00 (o altro importo da decidere)

abbiano subito difficoltà economiche in seguito a COVID-19

non abbiano generato perdite superiori al 20% dei ricavi

 

QUALI ATTIVITÀ NON SI POSSONO FINANZIARE?

Il Fondo non finanzia i settori seguenti:

  • pesca, agricoltura e zootecnia
  • energia, acqua e fogne
  • lotterie, scommesse, case da gioco

e le attività  finanziabili vengono ricondotte al codice ATECO.

 

COME FUNZIONA IL FINANZIAMENTO?

Importo: da € 5.000 a € 30.000,00
Durata massima: 60 mesi (più preammortamento di12 mesi)
Tasso di interesse: fisso, 0,00%
Rimborso: in rate mensili costanti posticipate. È possibile, in qualsiasi momento, estinguere il finanziamento
Modalità di rimborso: RID con addebito sul conto corrente.

Alle imprese in regola con il pagamento delle rate sarà riconosciuta una premialità pari alle ultime 9 rate, cioè il 15% del finanziamento ottenuto.

 

Importi concedibili:

 

per fatturati da 120.000,00 a 300.000,00: € 30.000,00

da  40.000,00 a 120.000,00: il 25% dei ricavi (da 10.000,00 a 30.000,00)

da  20.000,00 a 40.000,00:€ 10.000,00

da  5.000,00 a 20.000,00: €   5.000,00

 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE

 

L’istanza viene inoltrata in via telematica e deve descrivere le caratteristiche tecniche ed economiche del progetto, i profili del richiedente e l’ammontare della spesa.

All’istanza, firmata digitalmente devono essere allegati i seguenti documenti:

  • copia documenti identità
  • dichiarazione privacy
  • dsan attestante il possesso dei requisiti di microimpresa, eventuali finanziamenti,dimostrazione del calo fatturato
  • copia disponibilità sede
  • asseverazione commercialista attestante i ricavi 2019
  • e/c bancario su cui accreditare il finanziamento e addebitare le spese del programma

 

OBBLIGHI DEL BENEFICIARIO

 

L’impresa beneficiaria è tenuta a garantire

  • il pagamento delle rate alle singole scadenze
  • rispetto delle normative in campo del lavoro
  • conservazione della documentazione
  • dimostrazione delle spese sostenute (fatture e ricevute di spesa)
  • vincolo della destinazione per max 3 anni (relativamente agli investimenti)

IMPORTANTE: A giorni sarà emanato il bando: affrettarsi perchè “a sportello”.

Per maggiori informazioni chiamare ai seguenti riferimenti:

  • Ufficio Credito e finanza agevolata: dott. Gianni De Leonardis 3316379991
  • Direzione: dott. Mario Landriscina 3316213766

Puglia, da lunedì si potrà andare al mare

È ufficiale: in Puglia, a partire da lunedì 25 maggio, così come stabilito dall’ordinanza balneare 2020, si potrà tornare al mare.

Dopo il consenso unanime di ANCI, associazioni di balneari, ambientalisti e disabili, è stata quindi stabilita la possibilità di accedere liberamente ai circa 900 chilometri della costa pugliese.

Cosa dice l’ordinanza regionale

 

Ma come ci si dovrà comportare in spiaggia? Di seguito il testo integrale dell’ordinanza della Regione Puglia per fare un po’ di chiarezza:

 

  • Lo Stabilimento dovrà essere dotato di recinzione conforme alle disposizioni dell’Ordinanza Balneare e dovrà garantire un numero congruo di varchi di accesso controllati, tali da garantire il rispetto della distanza interpersonale ed evitare assembramenti, attraverso percorsi dedicati eventualmente distinti per ingresso e uscita. L’accesso degli ospiti allo stabilimento deve essere consentito solo dai punti di accesso previsti e tutti i servizi strettamente connessi alla balneazione, presenti nello stabilimento, sono ad uso esclusivo dei soli ospiti dello stesso.
  • Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità. Si promuove, a tal proposito, l’accompagnamento all’ombrellone da parte di personale dello stabilimento adeguatamente preparato (steward di spiaggia) che illustri ai clienti le misure di prevenzione da rispettare.
  • È necessario rendere disponibili prodotti igienizzanti per i clienti e per il personale in più punti dell’impianto.
  • Privilegiare l’accesso agli stabilimenti tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 gg.
  • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura >37,5 °C. In alternativa è bene sia fornita l’informazione al cliente che, in caso di febbre e/o sintomi respiratori, sarà invitato a rivolgersi al proprio medico.
  • La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione.
  • Riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso allo stabilimento in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita.
  • Assicurare un distanziamento tra gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 m2 per ogni ombrellone, indipendentemente dalla modalità di allestimento spiaggia (per file orizzontali o a rombo). Devono essere predisposti passaggi che consentano di raggiungere la riva o i servizi comuni senza dover attraversare la superficie occupata da altri bagnanti.
  • Tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio), quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno 1,5 m.
  • Evitare l’utilizzo di cabine e spogliatoi per le quali non sia possibile assicurare una disinfezione intermedia tra gli utilizzi promiscui.
  • Anche l’attività di balneazione deve rispettare le regole relative al distanziamento sociale senza mai derogare alle distanze consentite.
  • Nelle aree di accesso alle docce/fontanelle dovranno essere predisposti dispositivi o soluzioni che assicurino il regolare flusso dei bagnanti mantenendo le distanze di sicurezza, per cui possono essere previste segnaletiche (orizzontali e/o verticali) o barriere di protezione per regolamentare la fila di accesso al servizio e garantire la distanza interpersonale.
  • Regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, etc., comunque assicurata dopo la chiusura dell’impianto.
  • Le attrezzature come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni, attrezzature galleggianti etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare. In ogni caso la sanificazione deve essere garantita ad ogni fine giornata.
  • Il personale deve essere dotato da parte dei gestori di DPI adeguati ed è obbligato all’adozione di DPI in caso di contatti ravvicinati con i bagnanti. Sarà obbligatoria l’integrazione del kit di emergenza dei bagnini attraverso la dotazione (aggiuntiva rispetto a quanto già previsto dalla normativa vigente) di:
    • una maschera facciale con respiratore da utilizzare in acqua;
    • una visiera, mascherina FPP2 senza valvola filtro e guanti, da usare per gli interventi su terra ferma;
    • pallone di rianimazione trasparente in silicone lavabile per attività di rianimazione cardio circolatoria.
  • Per quanto riguarda le spiagge libere, si ribadisce l’importanza dell’informazione e della responsabilizzazione individuale da parte degli avventori nell’adozione di comportamenti rispettosi delle misure di prevenzione. Al fine di assicurare il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro tra le persone e gli interventi di pulizia e disinfezione dei servizi eventualmente presenti si suggerisce la presenza di un addetto alla sorveglianza. Anche il posizionamento degli ombrelloni dovrà rispettare le indicazioni sopra riportate.
  • Da vietare la pratica di attività di animazione (feste, balli di gruppo, merende collettive, etc.) o ludico-sportive di gruppo che possono dar luogo ad assembramenti.
  • Gli sport individuali che si svolgono abitualmente in spiaggia (es. racchettoni) o in acqua (es. nuoto, surf, windsurf, kitesurf) possono essere regolarmente praticati, nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale. Diversamente, per gli sport di squadra (es. beach-volley, beach-soccer) sarà necessario rispettare le disposizioni delle istituzioni competenti.
menu digitale trani

A Trani arrivano i menù digitali del DUC per ridurre i contagi. Ecco i vantaggi

menu digitale trani

Il Coronavirus ci ha catapultato in una realtà totalmente diversa da quella a cui eravamo abituati fino a febbraio. Oggi i pubblici esercizi hanno riaperto al pubblico, consentendo di consumare cibi e bevande ai tavolini. Oltre la già nota riapertura dei parrucchieri e dei centri estetici.

Per questo motivo, noi del Distretto Urbano del Commercio di Trani (DUC), abbiamo ideato una sorta di “raccoglitore digitale” dei menu delle attività di ristorazione (ristoranti, pizzerie, pub, paninoteche, ecc) e di somministrazione di bevande (bar, american bar, ecc). Realizzando un vero e proprio menu digitale per i locali che intendono iscriversi (gratuitamente, lo ricordiamo) alla nostra piattaforma SmartDUC.


Quali sono i vantaggi di un menu digitale? 

Il menù digitale riduce drasticamente il rischio di contagio. Come? Semplicemente: con la creazione di un codice QR da scansionare e la realizzazione di un link dedicato con le foto del menù nella scheda dell’esercizio all’interno della piattaforma.


Ecco un esempio di scheda che abbiamo realizzato per il Portulaca Trani. Clicca qui per vederla!


In questo caso, l’attività dovrà stampare su carta il codice QR da mostrare al cliente sul proprio tavolino così da farlo scansionare e in pochissimi secondi il menù sarà visibile sul proprio smartphone (evitando contatti col menu cartaceo). Il link, scaricabile anch’esso tramite un comodo PDF, sarà invece molto utile per le consegne a domicilio (clicca qui per scoprire chi effettua servizio domicilio a Trani).

E questa è sicuramente un’innovazione digitale nella nostra città di Trani, nata soprattutto grazie all’ampia diffusione degli smartphone, che promette molti vantaggi sia per i clienti che per gli esercenti. Questa nuova situazione di ripresa sta dettando nuove dinamiche comunicative e commerciali, che impongono adattamenti e aggiornamenti anche nel mondo della ristorazione, per creare o ripensare la propria presenza digitale e uscirne con meno danni possibili dopo il lunghissimo stop imposto dal Governo.

Ed è questa la missione del DUC. La nostra intenzione è quella di far crescere quanto più possibile il commercio tranese, in una città che ha tanto da offrire in questa nuova epoca. Quella post Coronavirus.


Vuoi realizzare il menù digitale per la tua attività? Clicca qui, scrivi una mail all’indirizzo email info.trani@smartduc.it e ti daremo maggiori informazioni!