Corona Virus, disposizioni in materia di accesso agli uffici comunali

Come noto, il D.P.C.M. DEL 4 MARZO 2020 ha introdotto una serie di misure destinate a contenere la diffusione del virus COVID -19. Tra le misure restrittive introdotte non vi sono limitazioni all’accesso agli uffici pubblici, fermo restando che alcune delle misure di igiene sanitaria di cui all’allegato 1 del decreto impongono una revisione delle consuete modalità di accesso ai pubblici uffici.

In particolare si rende necessario assumere misure organizzative in forza delle quali, pur mantenendo l’apertura al pubblico degli uffici si possa assicurare di:

  • evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  • evitare abbracci e strette di mano;
  • mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

In ragione di quanto precede, a decorrere dal 09.03.2020 e sino al 03.04.2020, data di vigenza delle prescrizioni del d.p.c.m. 04.03.2020 e salve ulteriori e successive disposizioni, si dispone che:

  • l’accesso degli utenti alla sede comunale è consentito solo dall’ingresso principale di via Morrico o, per i soggetti con disabilità da quello carraio di Corso Imbriani, ed è inibito dagli accessi laterali, che sono riservati ad uso esclusivo del personale dipendente.
  • Gli utenti saranno accolti dal personale del servizio di vigilanza e portierato ed ammessi all’ingresso agli uffici comunali previa identificazione, registrazione e rilascio di pass dedicato all’ufficio di rispettivo interesse. Il numero di pass contemporaneamente rilasciabili per un medesimo ufficio non potrà superare il numero di 5. Nuovi accessi potranno essere consentiti in correlazione all’uscita degli utenti serviti.
  • L’accesso agli uffici degli utenti muniti di pass avviene uno alla volta, osservando una distanza dall’operatore di almeno un metro. Eventuali ulteriori utenti in attesa dovranno posizionarsi ad una distanza di almeno un metro uno dall’altro.
  • Gli utenti in attesa nella sala di ingresso del palazzo di città dovranno disporsi in modo tale da assicurare una distanza di almeno un metro uno dall’altro.
  • Sono fatti salvi gli accessi regolati da appuntamento che dovranno essere previamente verificati mediante interlocuzione diretta degli addetti alla vigilanza con i titolari degli uffici interessati
  • Il personale di vigilanza assicurerà che le porte laterali alla sala di ingresso di palazzo di città siano chiuse e consentano l’accesso ai soli utenti previamente registrati e muniti di pass o appuntamento.
  • Potrà essere inibito l’accesso ad utenti che presentino infezioni respiratorie o evidenzino precario stato di salute
  • Durante l’accesso agli uffici dovranno essere evitati contatti ravvicinati, abbracci o strette di mano.
  • Il personale dipendente avrà cura di provvedere al frequente lavaggio ed igienizzazione delle mani ed alla areazione dei locali
  • Misure derogatorie potranno essere di volta in volta assunte in ragione di situazioni d’urgenza o necessità valutate dal ciascun dirigente per i servizi e gli uffici di proprio interesse

Le presenti misure assumono carattere sperimentale e potranno essere adeguate, modificate ed integrate in relazione all’evoluzione della situazione igienico sanitaria.